Morale alto alla Cykelvasan, nonostante la pioggia

La Vasaloppet è una leggendaria corsa di sci di fondo che si snoda su un percorso di 90 km da Sälen a Mora, in Svezia. Tuttavia, dal 2009 è possibile affrontare lo stesso percorso anche in bicicletta.

Team Axelent Cykelvasan)

 

 

Il percorso per la mountain bike è praticamente identico a quello per lo sci di fondo. Tutti i checkpoint sono gli stessi. Pertanto, se avete sempre desiderato di ristorarvi con una bevanda calda ai mirtilli ma non siete pronti per questa sfida sugli sci, potete sempre affrontarla in sella a una mountain bike.

Come la Vasaloppet originale, anche la corsa in bici prevede diverse varianti. Tutti i dipendenti Axelent si sono iscritti alla Cykelvasan 90, cioè al percorso completo di 94 km nella classe elite. La squadra dell’azienda contava almeno 26 partecipanti di 3 Paesi differenti.

È impossibile scrivere dell’edizione di quest’anno, la undicesima, senza parlare del clima. La foto in copertina è piuttosto esplicativa. Infatti, gran parte dell’evento si è tenuta sotto una pioggia battente, che ha trasformato i sentieri già molto impegnativi in una vera e propria palude di fango. I ciclisti più veloci, cioè quelli che si erano qualificati nella prima classe di merito, sono stati più fortunati, perché molti di loro sono riusciti a terminare la corsa prima che iniziasse a piovere. Tra di essi c’erano anche alcuni dei dipendenti Axelent, che avevano preso parte alle qualificazioni all’inizio dell’anno. Tuttavia, la stragrande maggioranza dei concorrenti ha dovuto battersi sotto la pioggia e nel fango per tutta la corsa.

Emma Johnsson Cykelvasan

 



Il terreno impegnativo

Emma Johnsson era uno dei dipendenti Axelent che ha partecipato alla corsa. Emma non era una neofita, in quanto aveva già preso parte a un’altra delle gran fondo che si svolgono in Svezia, cioè la Halvvättern di 150 km, sulle sponde del Lago Vättern. Tuttavia, mentre la Cykelvasan è una gara di mountain bike su un terreno molto impegnativo, la Halvvättern è completamente asfaltata e di conseguenza può essere affrontata con le bici da strada. E, come sa molto bene Emma, sono due stili di corsa completamente differenti.

“È stato del tutto diverso. A parte il fatto di essere in sella a una bicicletta, le due corse non hanno praticamente nulla in comune. Nelle corse su strada, generalmente puoi procedere al tuo ritmo. Al contrario, il terreno della Cykelvasan è così impervio che non puoi rilassarti nemmeno per un secondo. Io ero più abituata a correre sulle strade asfaltate e per l’occasione avevo deciso di acquistare una bici ibrida. Tuttavia, ho capito praticamente subito che non è stata la scelta giusta. Infatti, questo tipo di terreno richiede una vera e propria mountain bike”, spiega Emma.

 

Allora, che cosa ha portato una veterana delle corse su strada ad affrontare una delle corse di MTB più dure in assoluto?

“La Vasaloppet è qualcosa di speciale. Poiché non sarei mai riuscita a completare la corsa di sci, ho optato per la versione in bicicletta da 90 km”, risponde Emma Johnsson.

E la pioggia? Nonostante la scelta della bici e il clima infausto, è riuscita a tagliare il traguardo. Ma in realtà l’aspetto più importante dell’evento è la socialità.

“È bello poter condividere questa esperienza con gli altri. La squadra di Axelent era numerosissima e lo spirito di gruppo era fantastico, per non parlare dei volti felici anche durante la corsa. Ho parlato con tantissime persone lungo il percorso e l’atmosfera era veramente straordinaria. Anche gli applausi degli spettatori all’avvicinarsi del traguardo di Mora sono stati straordinari, nonostante il maltempo e l’ora tarda del giorno. Infatti, mi hanno dato quella carica di energia di cui avevo bisogno per finire la corsa alla grande. Tuttavia, in tutta onestà, non so se la rifarò. È stata un’esperienza molto divertente, ma preferisco le corse su strada”, conclude Emma Johnsson con un sorriso.

Scarica PDF?

Scarica X-News qui

Articoli correlati

Trova più risorse e X-News

24 giu 2021 • X-News

E’ disponibile il nuovo numero della rivista X-News!

E’ disponibile il nuovo numero della rivista X-News!

18 nov 2020 • X-News

The new issue of the X-News magazine is here!

This number is about our 30 years of safety, interviews from people in our organisation and tips...

2 gen 2020 • X-News

X-News newsletter No 4 2019

Nell'ultimo numero del 2019, riassumiamo l'anno presentando due progetti di cui siamo molto orgog...

17 dic 2019 • X-News

Buon Natale

Axelent Group augura buon Natale e felice anno nuovo!